“Se non credi tu di essere speciale… non ci crederanno neanche gli altri!”

Questa frase, durante il mio ultimo workshop “Personal Branding per fotografi” che ho tenuto durante il convegno Fiof a Orvieto, ha ottenuto il meraviglioso risultato di far scattare un applauso nel bel mezzo della presentazione, cosa parecchio rara durante gli incontri formativi.

Rientrando, con questa bella iniezione di autostima in corpo (anche i coach ne hanno bisogno ogni tanto) ho ragionato sui motivi per cui in particolari modo questo aspetto ha coinvolto tanto il pubblico presente e credo che valga la pena spenderci qualche riga.

Il punto di partenza per un progetto di personal branding (o self marketing) efficace è proprio un momento di analisi interiore: conosci te stesso.

Conosci te stesso

Il punto di partenza per un progetto di personal branding (o self marketing) efficace è proprio un momento di analisi interiore: conosci te stesso.

Concedersi il tempo e lo spazio per ragionare su chi sei, sui tuoi valori, sulle tue capacità e sulle proprie debolezze è fondamentale per mettere le basi di un progetto sincero e sostenibile nel tempo.

Il rischio è spesso quello di non approfondire la conoscenza di se stessi e di non riuscire a fare una valutazione oggettiva delle proprie vere competenze e capacità: essere troppo o troppo poco indulgenti con se stessi non aiuta a fare una valutazione corretta. Cerca di essere equilibrato nel giudizio e identifica ciò in cui sei veramente bravo e ciò in cui ha delle carenze.

Ciò che ami di più 

Sarà ovvio (ma non così tanto) ma ci metterai poco a scoprire che ciò che veramente ami, ciò che ti entusiasma e ti fa battere il cuore è ciò che ti riesce meglio, o forse dovrei dire ciò che ti riesce in modo speciale.

Più riuscirai ad evidenziare ciò che ti caratterizza, ciò che sei in grado di realizzare non solo bene tecnicamente (se stai parlando di un’attività professionale, ad esempio) ma con quel quid in più che si legge solo nelle opere animate da vera passione, più le persone ritroveranno in te qualcosa di speciale. E ti sapranno perdonare per gli aspetti meno raffinati.

Ancora di più, cerca di identificare la tua ricetta unica: non aver paura di mescolare il tuo spirito, il tuo animo più profondo, tutti i tuoi talenti concorrono a creare la tua personalità speciale. Talvolta sono proprio sensibilità anche distanti tra loro che creano dei mix originali e veramente unici.

Butta il cuore oltre l’ostacolo

La cosa più difficile alla fine di tutto è avere il coraggio di essere se stessi.

Hai identificato la tua ricetta speciale, unica, che si porta dietro la tua magia. Non ti resta che avere il coraggio di osare. Di percorrere strade nuove e inconsuete, di vedere e far vedere le cose sotto una prospettiva nuova.

Chiediti: quante volte hai avuto paura di esprimerti “a modo tuo” e non sei stato soddisfatto del risultato?

Nel momento in cui deciderai di chiudere gli occhi e pronunciare quell’incantesimo, che è tuo e solo tuo, ciò che fai inizierà a brillare.

E avrai posto le basi per uno straordinario, unico, entusiasmante, personal brand.

 

Il tuo parere mi interessa!
Lascia il tuo commento… e se l’articolo ti è piaciuto, perché non condividerlo con i tuoi amici? Grazie!

Alessandra Salimbene
Classe 1975, imprenditrice a 20 anni, mamma a 34, ho sviluppato il primo sito web da sola con BloccoNote nel 1997 e da allora ho sempre vissuto on line. SI occupa di marketing (soprattutto digitale) e di comunicazione (soprattutto aziendale). Umanista digitale, esperta di marketing strategico e operativo è considerata la "regina dell'ottica" il mercato in cui ha la maggior specializzazione verticale. Crede nel Carisma più che nel personal branding e opera ogni giorno per aiutare le persone e le aziende a comunicare meglio online e offline e lavorare meglio, guadagnare di più ed essere un più felici attraverso la sua Multipotential Agency CHARISMATICA.